domenica 11 marzo 2018

IL SEMINARIO DI GIROLAMO MELIS: BATAILLE - IL LIMITE DELL'UTILE


"E' da uomini invecchiati, sfiniti di riflessione, che è venuto il principio di utilità. La ragione riflettente è forse la cosa più estranea a questo mondo che essa riflette: sfrutta ogni possibilità di negarlo, sviluppa logicamente la menzogna del suolo. La sua chance consiste nella possibilità che essa ha di autoriflettersi e di scontentarsi. 

(.........) 
L'uomo attuale è probabilmente la creatura più estranea all'universo che sia mai vissuta.
Giunge al punto di vivere come se esistessero solo i suoi problemi più minuti e poveri di senso. Tende sempre più a svalutare in se stesso ciò che più lo ricollegava a un mondo di luce e di fulgore: il gusto che aveva di cercare la gloria.
Il "senso comune" si fa di ogni cosa un'immagine a sua misura. Gli uomini attuali si comportano in massa come un uomo volgare in una reggia, quando mette il proprio cappello sulla testa di una dea."