martedì 6 giugno 2017

PERCHE' IL "MAL DI TESTA" NON GUARIRA' MAI?!

 Da quando sei nato hai saputo che la Ricerca Scientifica applicata alla Medicina è il bene. Ma non hai mai pensato che se la Medicina non si fosse consegnata alla "Ricerca Scientifica" probabilmente esisterebbero ancora i Medici, e, per fare un esempio, l’Uomo non sarebbe più prigioniero del Mal di testa.
La "Scienza", tirata in campo come Ricerca Scientifica, dopo aver ridotto il Medico ad uno strumento procacciatore d’affari, ha così intrapreso la sua miracolosa Sfida: trattare il Mal di testa. E, contestualmente, ha azzerato la sopravvivenza del Medico, il quale cercava di capire, ascoltare, curare il suo Paziente affetto da Mal di testa.
Istituzionalizzandosi come Ricerca Scientifica applicata, la “Scienza” ha abdicato alla sua verità di Scienza per specializzarsi come Tecnica nell’ambito specialistico del Trattamento (non della Cura!) del Mal di testa. Ha chiamato in causa la chimica, cioè la Tecnica della natura. E la chimica è entrata nella chimico-fisica dell’apparato neurologico dell’uomo per “occuparsi” dello stato di Mal di testa. Sono nate le Pastiglie.
La Ricerca Scientifica ha prodotto la Trovata delle Pastiglie. Trovata straordinaria, moltiplicabile all’infinito (naturalmente un... “infinito Scientifico") dalla filantropìa dell’Industria Farmaceutica. E così, la Ricerca Scientifica, nella sua accezione specialistica di “tecnica del trattamento del mal di testa”, ha affidato ai suoi prestigiosi Laboratori FarmaFinanziari la fantasiosa modifica della composizione delle Pastiglie portandole a produrre benefici differenziati ad hoc (istantanei, durevoli, delimitati…) a seconda dei Nomi, rigorosamente Scientifici, cioè Tecnici, che conveniva dare a tali specialistici caratteri del Mal di testa.
A questo punto è stato ripescato il Medico: derubricato come “Medico”, l’Istituzione gli ha donato lo statuto e l’identità di Operatore Sanitario (vedi: Facoltà di Buro-Medicina delle Università Italiane), addestrandolo così a correlare Pastiglia & Mal di testa grazie ai preziosi Cataloghi dei più Prestigiosi Supermarkets Farmaceutici del mondo. Da quel preciso momento, gli ex-Medici, ora certificati Operatori Sanitari, hanno ricevuto Circolari Scientifiche atte a tenerli sempre aggiornati sui più recenti Ritrovati Scientifici da comminare al Cliente (ex-Paziente), sia in forma di “una botta dal farmacista e via", sia in forma di trattamenti monospecialistici o multiLaboratoriali e Analitici.
Il Progresso della “Scienza” ha così prodotto una copertura (Trattamento) pressoché totale della casistica dei Mal di testa riscontrati nell’Uomo.
La Ricerca Scientifica ha guarito il Mal di testa? Che c’entra?! La Ricerca scientifica non ha mica la mission di guarire il Mal di testa! Essa ha garantito all’uomo la sua indispensabilità nell’occuparsi del Mal di testa con Tecniche e Trattamenti sempre più avanzati, aggiornati, e perfino ad hoc.
E ha detto all’uomo: “Il Mal di testa è il male, io sono il bene, e non ti abbandonerò”.

Concludiamo? Sì, è meglio.
La Ricerca Scientifica, non essendo Scienza e non praticando la Ricerca, non ha ricercato nulla – per la Cura del Mal di Testa, così come per la Cura dei tanti mali che affliggono l’Umanità fin dalla sua origine - se non il proprio Utile, garantendosi di restare nel suo Potere e di progredire nel suo Privilegio di dominare l’intera esistenza dell’Uomo.
Infatti, la Ricerca Scientifica, se avesse avuto una qualsiasi relazione con la Scienza, avrebbe curato l’uomo; per esempio avrebbe liberato l’Uomo dalla sua sudditanza alla fatalità del dolore chiamato Mal di Testa.

Ecco. 

Se il Mondo non fosse dominato dal terrorismo dell’Industria Farmaceutico-Finanziaria, lo studio del Corpo Umano (vedi Chirone, vedi Ippocrate) potrebbe ricominciare da qui.