domenica 7 maggio 2017

CHIARIAMO UNA VOLTA PER TUTTE: IO CON "SAN GIROLAMO" NON C'ENTRO UNA... VULGATA!!!


Dunque, San Girolamo, più o meno sensatamente nominato Padre della Chiesa.
Un Erudito, sicuramente. Io no. Un Inquieto. Questo corrisponde.
Ma l'Amica non poteva immaginare come io abbia - ahimè, sì, fin da ragazzo - delirato nel dubbio sulla sua Vulgata. E mi sia via via venuto inquietando sulla sua opportunistica "democristianità" di Traduttore. Finché, con i modesti mezzi cercati e trovati, non me ne sono convinto.
Eppoi, è arrivato Davide Brullo - giovane geniale Amico, Poeta e dotto appassionato dell'Ebraico Antico - il quale, con la complicità di un non meno delirante Editore, mi invitò a far parte di un bis-delirante gruppetto di individui, per... tradurre la Bibbia ma per-davvero, facendo finalmente giustizia di quasi due Millenni di menzogne, di traduzioni-interpretazioni ad usum delphini, cioè per far tornare i conti alla malafede di questa o quella Chiesa...
E, all'unanimità, mi affidarono - nel testo mesoretico - il Libro di Geremia (vedi illustrazione).


Ne fui gasatissimo, cominciai, ricominciai, mi sbattezzai, continuai, mi piaceva assai scoprire la verità della Parola di Yhwh, scoperchiare le... panzane di San Girolamo e tanti altri suoi pari.
Poi mi arresi, per i troppi impegni che non mi rendevano possibile continuare a fare sul serio... Cazzo!
Cara la mia Amica, cari Amici, ci siamo capiti?
Però come posso trattenermi dal pubblicare qui un piccolo brano grandioso di quel testo Sacro, tanto bistrattato da...San Girolamo?!
Eccolo:

(Traduzione incompiuta di Girolamo Melis)
1

Parla Geremia figlio di Celkìa tra i sacerdoti abitatori di Anatòt, Terra di Beniamino.
 Parla con la Parola che gli dette Yhwh al tempo di Giosìa figlio di Amon, che di Giuda fu re quell’anno dieci e tre del regno suo, nei giorni di Ioachin di Giosìa figlio e re di Giuda, fino al compimento dell’anno dieci e uno dell’altro figlio di Giosìa, Sedecìa, che di Giuda fu re fino al dì del mese cinque, il giorno dell’esilio di Gerusalemme.



Parla Geremia.
“Così mi giunse Parola di Yhwh:

- Io te conobbi

Te prima di formarti nel ventre

Te prima che uscissi dall’utero

Te consacrai

Te feci Parola dei Popoli."



E così io risposi:


- Oh Alto Yhwh

io sono un ragazzo

io non conosco parole.



Ma così l’Alto parlò ancora:


"Non dire ‘io sono un ragazzo’

ma a chi ti manderò tu andrai

e ciò che ti ordinerò tu annunzierai.

E non li temerai

Perché io t’ho fatto libero.

Parola di Yhwh."



Poi la sua mano distese


E la mia bocca toccò

così dicendo:

"Ecco. Le mie Parole

posi nella tua bocca

e posi te in questo giorno

sui popoli e sui regni

e potrai sradicare

e potrai abbattere

e potrai dare morte,

e potrai distruggere,

e potrai demolire,

e potrai costruire,

e potrai piantare.

E la Parola di Yhwh mi disse


ancora:

"Tu che cosa stai vedendo,

Geremia?"

- Vedo un ramo di mandorlo,

io risposi.



E Yhwh disse:


"Vedesti bene

poiché vigila il mandorlo

sulla Parola mia

affinché essa si compia.



E una seconda volta


Parola di Yhwh mi si rivolse:

"E ora tu cosa vedi?"


E io dissi:

- Una pentola vedo

Inclinata

E volge il volto a nord.



Parola di Yhwh così mi disse:


"E’ dal nord

Che il male s’aprirà

Su tutti gli abitanti della terra.

Vedi, io dal nord sto chiamando

Le famiglie dei regni

- Parola di Yhwh -

e verranno e ognuno

alle porte di Gerusalemme

porrà il trono

e contro le sue mura

e contro le città di Giuda.

Io la Parola contro loro scaglierò

e contro il male d’avermi abbandonato

e incensato altri dèi e chinato la testa

agli idoli artefatti.

E tu coràzzati e dritto le parole

Che io ti ordinerò

tu parlerai 

e non tremerai davanti a loro

sennò sarò io che ti spaventerò

ai loro sguardi.

Oggi di te farò città fortificata

E colonna di ferro

E muri di bronzo

Contro tutta la terra

E i re di Giuda e i suoi principi

E contro i suoi sacerdoti

E contro il popolo tutto.

E tutti ti faranno guerra

Ma niente potranno contro te

Perché con te io sono

- Parola di Yhwh –

per liberarti."

..........................
...................................
...........................