giovedì 30 giugno 2016

MARTIN HEIDEGGER - PERCHE' LA MATEMATICA................?



Martin Heidegger 
dalla Quinta Conferenza di Friburgo, 1957 

(…)Fin dai tempi antichi la matematica occidentale implica la formulazione di assiomi. Tuttavia la matematica non riflette sui principi perché è matematica, ma perché la matematica greca si mantiene conforme in senso eminente al carattere di λόγος e di ἀρχή del pensiero. (…) Dobbiamo domandare: da che cosa dipende il fatto che nell’età moderna la matematica torni nuovamente a svilupparsi in una forma decisiva del pensiero? Certamente non soltanto dall’efficacia della matematica in quanto strumento metodico, e nemmeno dal fatto che da molto tempo, e di nuovo, la misura, il numero e le figure geometriche diventino “la chiave di tutte le creature”. Ciò che è matematico è ammesso in modo così decisivo nella metafisica dell’età moderna perché all’interno di tale metafisica, e per essa, si è deciso qualcosa di essenziale, ossìa il mutamento dell’essenza della verità in certezza. (…)