venerdì 19 febbraio 2016

MA ESISTONO I LOMBARDI?


I Lombardi.
Prima della ricchezza dei caveaux, del capitale, della finanza, c’è la Ricchezza. La Ricchezza delle persone, delle idee, della terra, del lavoro, della creatività popolare, degli obbiettivi comuni. È la Ricchezza antica dei Lombardi.
Ma chi sono i “Lombardi”? Difficilmente potrete fare i Nomi di cento Banchieri o Capitalisti o Star della Smart Society o Avari proverbiali o Scialacquatori di fortune. Ma dovrete usare numeri a quattro zeri per elencare i Costruttori, gli Inventori, i Creatori, gli Imprenditori, i Sacerdoti, i Talenti che hanno fatto la storia e il benessere del loro popolo, che poi siamo tutti noi.
I Lombardi, poi, non sono qualcosa di preciso. Sono al tempo stesso spacconi e riservati. Pensano in grande e hanno low profile. Prima di “farsi la barca” fanno una Chiesa o un Castello una Scuola o una Fabbrica.
Ma esistono i “Lombardi”?
Questo è il segreto: sono i primi a ridacchiare se qualcuno parla di “etnia”. Perché se c’è un Popolo meticcio, in Italia, sono proprio loro: un pugliese moltiplicato un ebreo sommato a un veneto e a uno svizzero, fratto un longobardo e uno spagnolo, sottratto un partenopeo e un sinti e incrociato con un austriaco e un tedesco di Germania... quanto fa? cosa fa? Fa un Lombardo, no? E se non fa, si adegua e diventa Lombardo, un Popolo intero che sta colorandosi la pelle e il cuore di tutti i colori del Pianeta.