giovedì 8 ottobre 2015

QUALCUNO VI HA MAI DETTO CHE IL "TERRORISMO" CONTA SU DI NOI?! SI', BAUMAN... MA CHI L'HA LETTO?

Sette anni dopo l’11 Settembre, il grande studioso Zygmunt Bauman descriveva il mondo in cui viviamo e vivremo.
Ma… chi lo ha ascoltato quando ci descriveva la “strategia” del Terrorismo? E dunque di chi lo guida?
E quali “Governanti” e “Signori dell’Informazione” hanno preso atto della Verità? Quale Verità?
Quella che il Terrorismo conta su di noi e sul nostro demenziale consumo-flebo dell’Informazione.
*****
Ecco un breve brano, 
tradotto in fretta da me, 
estratto dal libro di Zygmunt Bauman, 
"Does ethics have a chance in a wolrd of consumers?",
2008, Harvard University Press.
“Ovunque nel pianeta, la terra è preparata per accogliere i semi del terrorismo. E i cervelli itineranti degli attacchi terroristici possono ragionevolmente sperare di trovare terreno fertile ovunque decidano di agire. Essi non hanno nemmeno bisogno di darsi e di istituire una gerarchia. Non esiste un esercito terrorista ma solo degli “sciami” sincronizzati, e nemmeno coordinati, quasi senza controllo, addirittura senza comandanti o caporali, se non azione per azione.
Generalmente, per far nascere “dal niente” e all’improvviso un gruppo d’azione, basta compiere un atto “terroristico” molto spettacolare, che verrà disseminato e bombardato in milioni di case dalle reti televisive affamate di spettacolo, e su tutte le autostrade dell’informazione planetaria sulle quali si possono mandare “messaggi”.
La strana “guerra contro il terrorismo” non si combatte su un fronte ma soltanto su campi di battaglia distinti gli uni dagli altri, sparsi ovunque e soprattutto mobili. (…….) Gli “eserciti” terroristi sono eserciti fatti in casa. Non hanno bisogno di accampamenti, di apparati, di parate…” (.......)
...e poi:
"(.......) Se l'obbiettivo dichiarato dei terroristi è di diffondere il terrore nella popolazione nemica, allora l'esercito e la polizia della popolazione presa di mira faranno in modo, con la piena collaborazione dei mass-media, che l'obbiettivo sia raggiunto ben oltre come e quanto gli stessi terroristi potevano sperare di ottenere."
Eccetera.