martedì 1 settembre 2015

Girolamo Melis - SAMIZDAT 2000-2015



Breve brano tratto dall'Introduzione a
SAMIZDAT 2000-2015

Il Discorso della Comunicazione non prevede che io dica in pubblico (tre persone) all’Altro: “Tu sei uno schifoso pezzo di merda. E vorrei che tu morissi!”.
Il Discorso della Comunicazione non consiglia nemmeno che io dica: “Tu sei scorretto!”.
Si può dire invece: “Tu sei stato scorretto”, perché così tieni in vita il Discorso e ti tieni in vita in Società.
Tu sai Comunicare: non solo non dici pezzo di merda ad uno che probabilmente un pezzo di merda lo è davvero; ma non “bolli” la sua persona con un imprudente e irreversibile sei scorretto. Dicendo sei stato, è come se tu gli dicessi: contro la tua natura e la tua abituale correttezza, stavolta sei stato scorretto. 
Tu hai tenuto aperto il Discorso della Comunicazione. E hai messo un altro chiodo sulla bara del tuo Essere.
Di Comunicazione si muore. E si sorride. Non ci sono più Visi. E non ci sono più Maschere. C’è una e una sola Maschera che rappresenta tutte le Persone che dicono “tutto bene”: il Sorriso.
Nota.
Il Sistema della Connessione Universale (detta Globale) comunica che la parola "Comunicazione" va da oggi e ovunque e da parte di chiunque intesa come
"Morte della Comunicazione". Punto.
Chi non capisse o si ostinasse a "Comunicare", è invitato ad andare o a restare dov'è ora: nell’Albo degli ignoranti, detti Esperti di Comunicazione.